Nel concepimento esplosione di Luce. La luce e la vita connesse da sempre

Una stupefacente esplosione di fuochi artificiali causati dallo zinco. E’ il ‘flash’ della vita fotografato da esperti della Northwestern University Feinberg School of Medicine nel momento in cui un ovocita umano viene fecondato da un enzima spermatico. Uno studio affascinante e anche un avanzamento scientifico non da poco: la dimensione di queste ‘scintille’ può essere considerata una sorta di unità di misura diretta della qualità degli ovuli e della loro capacità di svilupparsi in un embrione. A riportare per la prima volta un fenomeno noto in alcune specie animali, ma finora mai documentato nell’uomo, è la rivista ‘Scientific Reports’.

Secondo gli esperti guidati da Teresa Woodruff, direttore del Center for Reproductive Science dell’ateneo americano, si tratta di una novità con il potenziale di aiutare i medici a scegliere i migliori ovociti da utilizzare per la fecondazione in vitro.

“Potendo assistere alla scintilla di zinco al momento della fecondazione, si saprà subito che le uova sono buone per il trasferimento in utero. E’ un modo di selezionare la qualità ovocitaria che prima non avevamo a disposizione”, spiegano.

Gli scienziati hanno attivato ​​l’uovo iniettando al suo interno un enzima spermatico, che fa aumentare i livelli di calcio e avvia il rilascio di zinco. Lo stesso zinco si lega a molecole che emettono piccole luci negli esperimenti di microscopia a fluorescenza. E’ così che il rapido rilascio di zinco può essere seguito da un lampo di luce, simile a una scintilla. Gli ovociti non sono stati fecondati con sperma vero perché non è consentito dalle leggi federali in materia di ricerca biomedica, precisa l’università americana.

“E’ stato straordinario – commenta Woodruff – Abbiamo scoperto la scintilla di zinco solo cinque anni fa nel topo e vederla ora nell’uomo è davvero mozzafiato”.

“Non ci sono strumenti attualmente disponibili che ci dicono con certezza se un ovocita è di buona qualità – fa notare Eve Feinberg, un’altra ricercatrice coinvolta nello studio – e spesso non sappiamo se l’uovo o l’embrione sono veramente vitali, fino a quando si viene a sapere se hanno dato vita a una gravidanza. Questo è il motivo per cui la scoperta ha la grande potenzialità di aiutarci in questo senso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*