Scienziati pensano di aver scoperto il luogo dell’anima all’interno del cervello umano

Scienziati scoprono il luogo dell'anima all'interno del cervello umano

Gli scienziati del Centro Ricerche di Neuroscienze dell’Università di Cambridge, non solo hanno dimostrato l’esistenza dell’anima, ma anche identificato la regione del cervello in cui si trova.

Un team di neurologi, diretto dal Dr. James Edward Monroe e il Dr. Waheed Langhani, ha trascorso gli ultimi tre anni a studiare migliaia di scansioni ottenute con una tecnologia chiamata risonanza magnetica funzionale  (fMRI), che consente agli scienziati di vedere le immagini mentre cambia il flusso di sangue nel cervello associato con l’attività neurale.

Ciò consente alle immagini di essere generate le quali riflettono quali strutture cerebrali vengono attivate durante l’esecuzione di varie operazioni, contribuendo a determinare i vari usi di ogni struttura all’interno del cervello ..

Dr. Monroe e il Dr. Langhani speravano di studiare una piccola e incompreso ghiandola endocrina chiamato la ghiandola pineale, che si trova nel epitalamo, vicino al centro del cervello.

brainsoul2

La ghiandola pineale assomiglia ad una piccola pigna, ed era già noto per la produzione di melatonina, un ormone serotonina derivata, e che indù associa la tradizione con il “terzo occhio”, conosciuto come “porta per l’anima”.

Mentre studiavano le numerose scansioni fMRI, i ricercatori hanno notato che ogni volta che hanno chiesto un paziente di pregare o meditare, l’attività cerebrale improvvisamente si concentrava intorno al epitalamo, più specificamente nella ghiandola pineale.

Dopo la prova completa e di indagine, sono stati in grado di determinare che la piccola ghiandola endocrina era il centro di tutti i pensieri e le credenze spirituali e religiosi, all’interno del cervello, che agisce come sede di attività spirituale che riceve le informazioni e invia “ordini” per l’altra strutture del cervello.

Le funzioni esatte della ghiandola pineale e la natura del rapporto tra il “anima” e il corpo rimane chiaro, tuttavia, poiché il livello estremamente intensa di attività cerebrale e la sua concentrazione rendere i dati più difficile analizzare.

“In primo luogo abbiamo notato che quando i pazienti hanno cominciato a pregare, la ghiandola pineale divenne completamente iperattiva”, il professor Monroe ha detto ai giornalisti. “Questo sembrava davvero insolita, dal momento che questa ghiandola è stato conosciuto per avere un livello basso e costante di attività. Siamo finalmente in grado di determinare che ogni volta che un paziente prega, medita o anche legge un libro sacro, l’attività cerebrale si incentrata  chiaramente  sulla ghiandola pineale e il talamo. C’è così tanta attività, a volte, che quasi brilla sui nostri scanner, ed è difficile vedere esattamente cosa sta succedendo. “

brainscientist3

Dr. Monroe ei suoi colleghi hanno studiato i cervelli più di 1200 volontari da October 2012, al fine di comprendere meglio le funzioni delle varie parti del cervello. Essi ammettono che non hanno nemmeno credere che l’anima esistesse, prima hanno iniziato la loro ricerca.

Atman Chiamato dagli antichi filosofi indiani, psiche dai greci e dai romani anima, il concetto di “anima umana” è di almeno 5000 anni fa, e la ricerca per la sua posizione risale alla consapevolezza di tale entità. Molti lo considerano immortale, postulando la morte per essere la conseguenza della partenza dell’anima dal corpo.

Molte tradizioni religiose e le teorie scientifiche hanno associato l’anima con la ghiandola pineale in passato, ma questa è la prima volta, che qualsiasi prova scientifica di un collegamento è mai trovato.

il filosofo del XVII secolo e scienziato Cartesio, che è stato molto interessato a anatomia e fisiologia, considerata la ghiandola pineale come “la sede principale dell’anima e il luogo in cui si formano tutti i nostri pensieri.”

Nel 1950, il lavoro di Cartesio ‘ha ispirato il lavoro di neurochirurgo inglese, Frederick Gibbs, che ha anche legato al fatto che Hitler avesse una ghiandola pineale atrofizzata, per il fatto che egli aveva “anima”.

http://worldnewsdailyreport.com/scientists-discover-the-location-of-the-soul-within-the-human-brain/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.