Crea sito

Cellula immunitaria che uccide la maggior parte dei tumori scoperti per caso dagli scienziati britannici in una svolta importante

Posted on 21 Gen, 2020 | 0 comments


Da telegraph. UK

 

Un nuovo tipo di cellula immunitaria che uccide la maggior parte dei tumori è stato scoperto per caso da scienziati britannici, in una scoperta che potrebbe preannunciare un importante passo avanti nel trattamento.

I ricercatori dell’Università di Cardiff stavano analizzando il sangue proveniente da una banca del Galles, alla ricerca di cellule immunitarie in grado di combattere i batteri, quando hanno scoperto un tipo completamente nuovo di cellule T.

Quella nuova cellula immunitaria porta un recettore mai visto prima che agisce come un uncino, aggrappandosi alla maggior parte dei tumori umani, ignorando le cellule sane.

In studi di laboratorio, le cellule immunitarie equipaggiate con il nuovo recettore hanno dimostrato di uccidere il cancro ai polmoni, alla pelle, al sangue, al colon, al seno, alle ossa, alla prostata, alle ovaie, ai reni e al collo dell’utero.

Il professor Andrew Sewell, autore principale dello studio ed esperto di cellule T della School of Medicine dell’Università di Cardiff , ha affermato che è “molto insolito” trovare una cellula che ha avuto ampie terapie per combattere il cancro e ha sollevato la prospettiva di una terapia universale .

“Questa è stata una scoperta fortuita, nessuno sapeva che questa cellula esistesse”, ha detto il prof Sewell al The Telegraph.

“La nostra scoperta solleva la prospettiva di un trattamento del cancro” taglia unica “, un singolo tipo di cellula T che potrebbe essere in grado di distruggere molti tipi diversi di tumori in tutta la popolazione. In precedenza nessuno credeva che ciò potesse essere possibile. “

Un esperto se significava che qualcuno in Galles stava camminando completamente immune al cancro, il Prof Sewell ha detto: “Forse. Questa cellula immunitaria potrebbe essere piuttosto rara o potrebbe essere che molte persone abbiano questo recettore ma per qualche motivo non è attivato. Solo non lo sappiamo ancora. “

Esistono già erpie che ingegnerizzano le cellule immunitarie per combattere specifici tipi di cancro, ma al momento sono utili solo per alcune forme di leucemia e non funzionano per i tumori solidi, che rappresentano la maggior parte dei tumori.

Quei trattamenti – noti come terapie CAR-T e TCR-T – comportano il prelievo di cellule immunitarie da un paziente che vengono poi alterate in modo da poter bloccare le molecole che si trovano sulla superficie delle cellule tumorali.

Le cellule vengono quindi cresciute in gran numero e iniettate di nuovo nel flusso sanguigno del paziente.

La terapia CAR-T viene ora somministrata per alcune forme di leucemia, ma non funziona per i tumori solidi, la stragrande maggioranza dei tumori. Le terapie TCR-T possono funzionare in alcuni altri tumori, ma devono aggrapparsi a molecole chiamate HLA, che variano ampiamente nella popolazione.

Al contrario, la nuova cellula si attacca a una molecola sulle cellule tumorali chiamata MR1, che non varia negli esseri umani.

Non significa che non solo il trattamento funzionerebbe per la maggior parte dei tumori, ma potrebbe essere condiviso tra le persone, aumentando la possibilità che in futuro possano essere create banche di cellule immunitarie speciali per un trattamento immediato.

Quando i ricercatori hanno iniettato le nuove cellule immunitarie in topi portatori di cancro umano e con un sistema immunitario umano, hanno trovato risultati “incoraggianti” per eliminare il cancro.

E hanno dimostrato che le cellule T dei pazienti con tumore della pelle, che sono state modificate per esprimere il nuovo recettore, potrebbero distruggere non solo le cellule tumorali del paziente, ma anche le cellule tumorali di altri pazienti in laboratorio.

Prof Sewell ha affermato che le “persone giuste” sono ora interessate a sviluppare la potenziale nuova terapia e che i progressi potrebbero ora spostarsi “abbastanza velocemente”. Il team afferma che le sperimentazioni sull’uomo su pazienti malati terminali potrebbero iniziare già a novembre se il nuovo trattamento supera ulteriori test di sicurezza in laboratorio.

Il professor Oliver Ottmann, capo dell’ematologia dell’Università di Cardiff, il cui dipartimento eroga la terapia CAR-T, ha dichiarato: “Questo nuovo tipo di terapia con cellule T ha un enorme potenziale per superare le attuali limitazioni della CAR-T, che ha lottato per identificare idonei e sicuri obiettivi per più di alcuni tipi di cancro. “

Il professor Awen Gallimore, della divisione di infezione e immunità e immunologia del cancro dell’Università per il Galles Cancer Research Centre , ha aggiunto: “Se questa nuova scoperta trasformativa reggerà, getterà le basi per una medicina a cellule T ‘universale’, mitigando contro gli enormi costi associati all’identificazione, generazione e produzione di cellule T personalizzate.

“Questo è veramente emozionante e potenzialmente un grande passo avanti per l’accessibilità dell’immunoterapia antitumorale”.

Nel commentare lo studio, Daniel Davis, professore di immunologia all’università di Manchester, ha affermato che è stata una scoperta entusiasmante che ha aperto le porte alle terapie cellulari utilizzate per più persone.

“Siamo nel mezzo di una rivoluzione medica che sfrutta la potenza del sistema immunitario per combattere il cancro. Ma non tutti rispondono alle terapie attuali e possono esserci effetti collaterali dannosi.

“Il team ha dimostrato in modo convincente che, in una capsula da laboratorio, questo tipo di cellula immunitaria reagisce contro una gamma di diverse cellule tumorali.

“Dobbiamo ancora capire esattamente come riconosce e uccide le cellule tumorali, senza rispondere alle normali cellule sane.”

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Immunology .

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.