Crea sito

Umanità in crisi e gli effetti delle onde elettromagnetiche sull’organismo

Posted on 19 Feb, 2018 | 0 comments


di Dee McLachlan Da : gumshoenews.com

La prima volta che ho appreso l’elettrosensibilità è stato quando un amico sudafricano si è trasferito in una nuova casa ai margini di un parco a Johannesburg negli anni ’80. Due imponenti tralicci dell’alta tensione erano posizionati vicino a casa e la loro giovane figlia si ammalò presto diventando allergica a quasi tutto. Il consiglio del medico: “cambia casa”.

Negli anni ’90, sono andato a un incontro in una stazione televisiva di Johannesburg. L’edificio aveva un enorme parabola sul tetto. Credo che stia trasmettendo il segnale TV. Discutendo con i dipendenti, hanno sottolineato che molti degli alti funzionari erano in ferie – affetti da cancro. Erano preoccupati di essere promossi, poiché tutti gli uffici del personale anziano erano ai piani superiori – il più vicino alla parabola. Tutti sospettavano che questa fosse la causa del cluster del cancro.

Il deserto del Namib Reprieve
Gobabeb Research Center (foto – Robert Logan)

Poi circa quattro anni fa sono stato assunto per dirigere un documentario in Sud Africa. Siamo atterrati in alcune aree remote – inclusi diversi giorni al Gobabeb Research Center, nel deserto del Namib in Namibia. Oltre a una rete fissa, è essenzialmente tagliata fuori dal mondo, ed è uno dei luoghi più remoti in Africa.

Quando sono tornato a Melbourne, non sono riuscito a dormire bene per quasi sei settimane. Di notte, stando sveglio, sentivo che il mio cervello veniva “fritto”. Dopo aver visitato medici e un esperto di orecchie, l’esperienza mi ha costretto a considerare la possibilità che i contatori intelligenti installati nella porta accanto, e Wifi mi stia colpendo. La sensazione di “microonde” e il ronzio nelle orecchie, finalmente si placarono. Un socio di ritorno dall’Antartico ha avuto la stessa esperienza.

Poi il mese scorso ho letto di uno studio che riportava l’esodo di specie di uccelli, pipistrelli e termiti dalla zona del Monte Nardi. Lo studio presso l’area del Patrimonio Mondiale del Parco Nazionale di Nightcap, nel nord del NSW in Australia, è stato realizzato in un periodo di 15 anni, dal 2000 al 2015. La scomparsa delle specie corrisponde a una quantità crescente di radiazioni elettromagnetiche (EMR) e frequenze elettromagnetiche (EMF). dal complesso della torre delle telecomunicazioni.

Maggiori informazioni su questo studio in un momento. Quindi quali sono i campi elettromagnetici?

Frequenze elettromagnetiche

Il mondo naturale, compresi i nostri corpi, produce campi elettromagnetici. Ma la tecnologia sta pulsando enormi quantità di radiazioni elettromagnetiche nel nostro ambiente, per nostra comodità. La quantità di radiazione di fotoni nello spettro è espressa in termini di energia, lunghezza d’onda o frequenza. Più alta è la frequenza, più breve è la lunghezza d’onda.

Alla fascia bassa, da 50 a 60-Hertz, è per i nostri elettrodomestici. All’estremità superiore troviamo telefoni cellulari, telefoni cordless, antenne mobili, torri di trasmissione, sistemi di sicurezza elettrici, ecc. Non metterebbe la mano in un forno a microonde, ma apparentemente molte torri di telefoni cellulari funzionano nel campo delle microonde.

Quindi ha senso pensare che forse siamo colpiti . Quindi i forti EMF artificiali penetrano nei nostri corpi e interferiscono con il modo naturale in cui funziona il nostro corpo?

Lo studio Mount Nardi

Il botanico che ha fatto la ricerca sull’esodo degli uccelli è il botanico australiano Mark Broomhall. Possiamo fidarci di quello che dice? Ha vissuto sul monte Nardi per quaranta anni; è stato coordinatore forestale per un decennio; direttore dei progetti Pacific-Eco-forestry in Papua Nuova Guinea e nelle Isole Salomone; e il rappresentante australiano per il progetto internazionale “Save the Siberian Tiger Project”.

Nel suo studio, Broomhall stima che dal 70 al 90% della fauna selvatica è diventato raro o è scomparso dal Parco nazionale di Nightcap entro un raggio di 2-3 km dal Monte. Complesso di torri Nardi ” .

Cito dal rapporto del botanico :

“L’altopiano del Monte Nardi-Mt Matheson è di importanza unica … potrebbe essere considerato il” gioiello nella corona “e detiene uno status esaltato nel contesto globale della foresta preistorica di Gondwanaland.
La torre sul monte Nardi (foto – Angus Fraser)

“Dagli anni ’60 fino a poco dopo il millennio, il Monte. Il complesso di torri per telecomunicazioni Nardi utilizzava la tecnologia analogica . Dalla fine degli anni ’70 il monte I residenti di Nardi hanno assistito a un costante aumento della diversità delle specie.

“Non è stato fino all’avvento della tecnologia wireless digitale negli anni dal 2002 al 2004, che ho iniziato a notare un declino nella diversità degli insetti e nella popolazione.

“Nell’anno 2009 sono state installate tecnologie 3G avanzate e ulteriori 150 canali televisivi a pagamento sono stati aggiunti alla torre. In seguito a queste aggiunte, ho assistito all’esodo di 27 specie di uccelli …

“Ho assistito al rapido esodo di altre 49 specie di uccelli [dopo l’aggiornamento” 4G “nel 2012 e all’inizio del 2013] … Questa dichiarazione può essere riassunta con dati concreti:

3 specie di pipistrelli una volta comuni sono diventate rare o scomparse
11 specie di uccelli minacciate e in pericolo sono scomparse
11 specie di uccelli migratori sono sparite
86 specie di uccelli stanno dimostrando comportamenti innaturali
66 una volta che le specie di uccelli comuni sono ora rare o scomparse

Interruzioni di corrente

Broomhall ha scoperto che quando si è verificato un taglio della produzione di energia elettrica nel 2015, sono tornate alcune specie di uccelli. Ci fu un tre giorni di interruzione di corrente, e descrisse una “esplosione biologica” – dimostrata dalle termiti (Isoptera) che lasciavano i loro nidi. Dice che “la precisione della risposta biologica al taglio di corrente di 3 giorni è stata straordinaria e significativa” e conclude che le microonde a impulsi sono particolarmente tossiche per la fauna selvatica.

Apparentemente, negli Stati Uniti, la potenza massima consentita nelle aree urbane è di 100 watt, mentre nelle aree rurali è di 500 watt. Questo potrebbe andare in qualche modo a spiegare i risultati drammatici del Monte. Studio Nardi.

Pericolo per gli umani

Il governo australiano non è convinto che i campi elettromagnetici siano pericolosi. In un vecchio rapporto del governo su “Radiazioni elettromagnetiche da TV e torri di telefonia mobile: aspetti di salute”, dice:

“… Anche se non ci sono prove convincenti che fonti di energia a bassa potenza come le torri di telefonia mobile possano aumentare l’incidenza del cancro, è necessaria una certa cautela dato che gli standard di salute esistenti si basano su criteri piuttosto ristretti e che i tumori spesso hanno un lungo tempi di consegna.”

Il rapporto menziona che nel 1995 uno studio preliminare (di Hocking, Gordon, Grain e Hatfield) sull’incidenza del cancro a Sydney sembrava mostrare un aumento della leucemia infantile nelle case relativamente vicino ai trasmettitori TV. Suppongo che questo preliminare non giustificasse lo studio principale?

Studio del Brasile su  7000 decessi

Nel 2013, Natural News ha scritto di uno studio in Brasile, che collega 7000 morti per cancro alla vicinanza con le torri dei telefoni cellulari. Lo studio ha concluso:

“Più ti avvicini a un’antenna, maggiore è il contatto con il campo elettromagnetico … [Studia a] San Francisco, oltre a città in Austria, Germania e Israele, risalenti agli anni ’70. Tutti gli studi hanno condiviso risultati simili: vivere in una certa prossimità con una torre del telefono cellulare ha aumentato il rischio di cancro … ”

I nostri governi e la società sono stati catturati dai giganti della tecnologia. Telefoni, Netflix, Wifi – beh, li vogliamo ora – quindi nessuno li abbandonerà facilmente.

Viviamo in una zuppa elettromagnetica, quindi stiamo andando a microonde l’umanità (come la conosciamo noi) all’estinzione? di Dee McLachlan

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.